“Matematica e italiano: ugualmente utili, ugualmente inutili”: è questo il tema dell’appassionato incontro di ieri tenuto da Valerio Chiara (scrittrice e saggista con dottorato in matematica) e Meacci Giordano (autore a tutto tondo e sceneggiatore). L’obiettivo dei due studiosi è stato principalmente quello di difendere i rispettivi ambiti da chi sostiene che siano “l’un contro l’altra armati”, quindi in contrapposizione al pensiero crociano, ancora molto presente nelle scuole. In realtà le due discipline sono molto più vicine di quanto si pensi, in quanto entrambe ricercano il come, attraverso la forma in una dimensione spazio temporale ben precisa. Inoltre la loro importanza è data soprattutto dal fatto che entrambe studiano, seppur in modo diverso, le relazioni tra le cose che, come dice Shakespeare, sono il fondamento della vita.

Vesna Frangipane, Carolina Fanzago