Ma Pinocchio non poté finire il suo ragionamento, perchè in quel punto gli parve di sentire dietro di sé un leggerissimo fruscio di foglie. Si voltò a guardare e vide nel buio due figuracce nere tutte imbacuccate in due sacchi da carbone, le quali  correvano dietro a lui a salti e in punta di piedi, come se fossero due  fantasmi. “Eccoli davvero!” Disse dentro di sé: e non sapendo dove  nascondere i quattro zecchini, se li nascose in bocca e precisamente sotto  la lingua. Poi si provò a scappare. Ma non aveva ancora fatto il primo  passo, che sentì agguantarsi per le braccia e intese due voci orribili e  cavernose, che gli dissero: “o la borsa o la vita!”

 Pinocchio, Carlo Collodi